Attuality and Society
printprintFacebook



GEMELLAGGI

BENVENUTI

SVC



Micronazione Repubblica Cisalpina



Pensieri, parole, frasi celebri....
<<...nessuno può colpire duro come fa la vita, perciò andando avanti non è importante come colpisci, l'importante è come sai resistere ai colpi, come incassi e se finisci al tappeto hai la forza di rialzarti... così sei un vincente!>>
New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

Laicità pervertita e tramutata in radicalismo!?

Last Update: 2/10/2008 10:32 PM
OFFLINE
Post: 42,725
Post: 26,157
Registered in: 2/28/2004
Registered in: 4/14/2004
Age: 32
Gender: Male
Admin Unico
1/16/2008 11:34 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Quando Ratzinger difese Galileo alla Sapienza
Giorgio Israel
Professore ordinario
di Matematiche complementari
Università di Roma La Sapienza


È sorprendente che quanti hanno scelto come motto la celebre frase attribuita a Voltaire - "mi batterò fino alla morte perché tu possa dire il contrario di quel che penso" - si oppongano a che il Papa tenga un discorso all'università di Roma La Sapienza. È tanto più sorprendente in quanto le università italiane sono ormai un luogo aperto ad ogni tipo di intervento ed è inspiegabile che al Papa soltanto sia riservato un divieto d'ingresso. Che cosa di tanto grave ha spinto a mettere da parte la tolleranza volterriana? Lo ha spiegato Marcello Cini nella lettera dello scorso novembre in cui ha condannato l'invito fatto dal rettore Renato Guarini a Benedetto XVI. Quel che gli appare "pericoloso" è che il Papa tenti di aprire un discorso tra fede e ragione, di ristabilire una relazione fra le tradizioni giudaicocristiana ed ellenistica, di non volere che scienza e fede siano separate da un'impenetrabile parete stagna. Per Cini questo programma è intollerabile perché sarebbe in realtà dettato dall'intento perverso, che Benedetto XVI coltiverebbe fin da quando era "capo del Sant'Uffizio", di "mettere in riga la scienza" e ricondurla entro "la pseudo-razionalità dei dogmi della religione". Inoltre, secondo Cini, egli avrebbe anche prodotto l'effetto nefasto di suscitare veementi reazioni nel mondo islamico. Dubitiamo però che Cini chiederebbe a un rappresentante religioso musulmano di pronunziare un mea culpa per la persecuzione di Averroè prima di mettere piede alla Sapienza. Siamo anzi certi che lo accoglierebbe a braccia aperte in nome dei principi del dialogo e della tolleranza.

L'opposizione alla visita del Papa non è quindi motivata da un principio astratto e tradizionale di laicità. L'opposizione è di carattere ideologico e ha come bersaglio specifico Benedetto XVI in quanto si permette di parlare di scienza e dei rapporti tra scienza e fede, anziché limitarsi a parlare di fede.

Anche la lettera contro la visita firmata da un gruppo di fisici è ispirata da un sentimento di fastidio per la persona stessa del Papa, presentato come un ostinato nemico di Galileo. Essi gli rimproverano di aver ripreso - in una conferenza tenuta proprio alla Sapienza il 15 febbraio 1990 (cfr J. Ratzinger, Wendezeit für Europa?
Diagnosen und Prognosen zur Lage von Kirche und Welt, Einsiedeln-Freiburg, Johannes Verlag, 1991, pp. 59 e 71) - una frase del filosofo della scienza Paul Feyerabend: "All'epoca di Galileo la Chiesa rimase molto più fedele alla ragione dello stesso Galileo. Il processo contro Galileo fu ragionevole e giusto". Non si sono preoccupati però di leggere per intero e attentamente quel discorso. Esso aveva come tema la crisi di fiducia nella scienza in sé stessa e ne dava come esempio il mutare di atteggiamento sul caso Galileo. Se nel Settecento Galileo è l'emblema dell'oscurantismo medioevale della Chiesa, nel Novecento l'atteggiamento cambia e si sottolinea come Galileo non avesse fornito prove convincenti del sistema eliocentrico, fino all'affermazione di Feyerabend - definito dall'allora cardinale Ratzinger come un "filosofo agnostico-scettico" - e a quella di Carl Friedrich von Weizsäcker che addirittura stabilisce una linea diretta tra Galileo e la bomba atomica. Queste citazioni non venivano usate dal cardinale Ratzinger per cercare rivalse e imbastire giustificazioni: "Sarebbe assurdo costruire sulla base di queste
affermazioni una frettolosa apologetica. La fede non cresce a partire dal risentimento e dal rifiuto della razionalità". Esse piuttosto venivano addotte come prova di quanto "il dubbio della modernità su se stessa abbia attinto oggi la scienza e la tecnica".

In altri termini, il discorso del 1990 può ben essere considerato, per chi lo legga con un minimo di attenzione, come una difesa della razionalità galileiana contro lo scetticismo e il relativismo della cultura postmoderna. Del resto chi conosca un minimo i recenti interventi del Papa sull'argomento sa bene come egli consideri con "ammirazione" la celebre affermazione di Galileo che il libro della natura è scritto in linguaggio matematico.

Come è potuto accadere che dei docenti universitari siano incorsi in un simile infortunio? Un docente dovrebbe considerare come una sconfitta professionale l'aver trasmesso un simile modello di lettura disattenta, superficiale e omissiva che conduce a un vero e proprio travisamento. Ma temo che qui il rigore intellettuale interessi poco e che l'intenzione sia quella di menar fendenti ad ogni costo. Né c'entra la laicità, categoria estranea ai comportamenti di alcuni dei firmatari, che non hanno mai speso una sola parola contro l'integralismo islamico o contro la negazione della Shoah. Come ha detto bene Giuseppe Caldarola, emerge qui "una parte di cultura laica che non ha argomenti e demonizza, non discute come la vera cultura laica, ma crea mostri". Pertanto, ripetiamo con lui che "la minaccia contro il Papa è un evento drammatico, culturalmente e civilmente".






ADMIN UNICO diAttuality and Society


Vice Amministratore di FORUMANDO


Moderatore sez.ForumGiornale di FORUMANDO



Mostra Evento 1:6 MODELLISMO IN GRANDE MEZZI GRANDI modellismo d...15 pt.10/22/2019 9:46 PM by elefant169
Secondo stint su WoW e taciti accordiAnkie & Friends - L&#...10 pt.10/23/2019 12:17 AM by Inklings
Wanda Nara ( Tiki Taka )TELEGIORNALISTE FANS FORU...9 pt.10/22/2019 9:17 PM by checcocanto
Qual'è il nome di Dio?Testimoni di Geova Online...9 pt.10/23/2019 1:33 AM by Angelo Serafino53
Il Lago dei CigniEFP5 pt.10/22/2019 3:21 PM by molang
OFFLINE
Post: 42,725
Post: 26,157
Registered in: 2/28/2004
Registered in: 4/14/2004
Age: 32
Gender: Male
Admin Unico
1/16/2008 8:15 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Il testo dell'appello al Rettore fa riferimento a un discorso
dell'allora cardinale (Parma, 1990) sul processo a Galielo
"Un evento incongruo da annullare"
La lettera dei docenti contro Ratzinger

ROMA - Un evento "incongruo" e non in linea con la laicità della scienza, l'intervento del Papa previsto giovedì 17 al termine della cerimonia di inaugurazione dell'anno accademico dell'università di Roma La Sapienza. Lo giudicano così gli oltre 60 firmatari della lettera presentata nei giorni scorsi al rettore Renato Guarini, un'iniziativa che negli ultimi giorni sta raccogliendo centinaia di consensi nel mondo scientifico, anche da tanti scienziati italiani all'estero.

Tra i firmatari, i fisici Andrea Frova, autore con Mariapiera Marenzana di un libro su Galileo e la Chiesa, Luciano Maiani, da poco nominato presidente del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), Carlo Bernardini, Giorgio Parisi, Carlo Cosmelli.

Ecco il testo della lettera: "Magnifico Rettore, con queste poche righe desideriamo portarLa a conoscenza del fatto che condividiamo appieno la lettera di critica che il collega Marcello Cini Le ha indirizzato sulla stampa a proposito della sconcertante iniziativa che prevedeva l'intervento di papa Benedetto XVI all'Inaugurazione dell'Anno Accademico alla Sapienza. Nulla da aggiungere agli argomenti di Cini, salvo un particolare. Il 15 marzo 1990, ancora cardinale, in un discorso nella citta di Parma, Joseph Ratzinger ha ripreso un'affermazione di Feyerabend: "All'epoca di Galileo la Chiesa rimase molto più fedele alla ragione dello stesso Galileo. Il processo contro Galileo fu ragionevole e giusto". Sono parole che, in quanto scienziati fedeli alla ragione e in quanto docenti che dedicano la loro vita all'avanzamento e alla diffusione delle conoscenze, ci offendono e ci umiliano.
In nome della laicità della scienza e della cultura e nel rispetto di questo nostro Ateneo aperto a docenti e studenti di ogni credo e di ogni ideologia, auspichiamo che l'incongruo evento possa ancora essere annullato".

(14 gennaio 2008)
Repubblica.it






ADMIN UNICO diAttuality and Society


Vice Amministratore di FORUMANDO


Moderatore sez.ForumGiornale di FORUMANDO



OFFLINE
Post: 42,725
Post: 26,157
Registered in: 2/28/2004
Registered in: 4/14/2004
Age: 32
Gender: Male
Admin Unico
1/16/2008 8:15 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Premessa: il Papa affronta temi scientifici da un punto di vista religioso, quindi non è scienza e non deve essere chiamato a disquisire di tale materia (infatti così non è stato). Il punto di vista religioso, non prevede l'esame del modo in cui le cose nascono e crescono (da quando si è smesso di leggere la bibbia come un libro di scienza e storia) ma del perchè e la risposta sta sempre in Dio. Quindi fede e religione non hanno nulla da spartire in questo sesso. Il punto d'incontro è ben diverso, ma non è il momento di trattarlo.

L'Italia e gli italiani, hanno fatto una figura ridicola. La scienza italiana si è mostrata incapace di scindere il discorso religioso da quello scientifico. Per uno scienziato vero, deve essere umiliante.
Un professore di Harvard (su uno mattina, ieri) ha detto che ad Harvard una cosa simile non sarebbe mai accaduta, il Papa sarebbe stato accolto tranquillamente e avrebbe potuto dire quello che voleva. Il giudizio poi l'avrebbero dato, singolarmente, gli intervenuti.
Questo trattamento sarebbe stato riservato anche ad esponenti di altre religioni? certo che no. E' successo tutto, perchè è il Papa. L'Italia è uno stato laico, che ha introdotto il divorzio, l'aborto, e tante altre normative che la Chiesa nemmeno concepisce, allora dov'è il problema? Se qualcosa si vuol fare si fa. Se la politica è incapace (o mira ad altro), è inutile incolpare il Papa, se il popolo non partecipa, non vive la cittadinanza attivamente, come dovrebbe, poi non deve lamentarsi. Non ne ha il diritto, perchè "Chi non c'è, non conta!".

Se a paragonare la pena di morte all'aborto fosse un professore della stessa università, non si scatenerebbe una tale campagna.






ADMIN UNICO diAttuality and Society


Vice Amministratore di FORUMANDO


Moderatore sez.ForumGiornale di FORUMANDO



OFFLINE
Post: 42,725
Post: 26,157
Registered in: 2/28/2004
Registered in: 4/14/2004
Age: 32
Gender: Male
Admin Unico
2/1/2008 8:54 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Il Cristianesimo volenti o nolenti è parte della nostra cultura e storia. Parlarne non significa non essere laici, ma significa esserlo. Un soggetto che si definisce laico, non può parlare di alcuna religione? A me non pare questa la definizione adatta. Il laico è colui che tratta con distacco ogni forma di credo, perchè non crede. Allora se non crede, perchè dovrebbe accanirsi contro i credenti?






ADMIN UNICO diAttuality and Society


Vice Amministratore di FORUMANDO


Moderatore sez.ForumGiornale di FORUMANDO



OFFLINE
Post: 2,435
Post: 1,528
Registered in: 10/20/2005
Registered in: 10/27/2005
Age: 32
Gender: Male
Moderatore
*Direttore A&S Show*
2/3/2008 4:26 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

beh beh calma, i laici che intendi tu nelll'ultimo post sono laici nel senso moderno del termine. un laico non appartiene ad un ordine religioso, ma non per questo un laico non è religioso.
scusa l'ascetismo nell'uso dei termini, ma da bravo letterato ogni tanto sulle parole mi pare giusto rompere le palle
per il resto, visto che un tema del genere non va preso in maniera superficiale, devo aggiungere un paio di cose
chi tuttora, nonostante l'enorme figuraccia internazionale che la Sapienza ha fatto, rifiuta l'idea che il Papa parli in università sostiene che un dialogo con la sola persona del Papa non può parlare, e afferma che esige che anche altri rappresentanti di altre religioni siano presenti nel dibattito. obiezione che si può benissimo ritenere capziosa, una finta apertura ad un dialogo "come lo vuole la modernità" o meglio "come lo voglio io". tuttavia questi giovani e questi docenti hanno rifiutato il dialogo, che ciascuno avrebbe potuto svolgere interiormente, con tale figura così scomoda nel nostro paese, in quanto presunta avversa rispetto a molte ambizioni del nostro tempo secolarizzato e sinistroide. hanno rifiutato un Papa che non è più Giovanni Paolo II, un papa tedesco che è stato (come se l'avesse scelto lui) nei giovani di Hitler, un tedesco e un nazista che dicono che non abbia rispetto nei confronti anche delle altre religioni (considerazioni cariche di pura xenofobia). hanno rifiutato soprattutto un papa che avrebbe iniziato il suo discorso mettendo in chiaro che è meglio così che una università fondata da un pontefice sia oggi laica. quindi il rifiuto del dialogo con questa autorità è segno di chiusura da chi è aperto solo "come lo dico io"...
ah, a proposito, è Maiani il prof che poi è stato buttato fuori dal CNR dopo quella firmettina? in ogni caso, qualcuno che orbitava intorno al CNR, che è sammarinese, ha messo quella firmettina ed è rimasto col cul per terra.
ultimo dettaglio: quella petizione è solo un tassello di questo scandalo internazionale. il punto è che il Papa non ha rifiutato di parlare a quegli studenti (tant'è che il testo del proprio intervento è stato comunque inviato al Magnifico Rettore) per timore per la sua incolumità (è andato pure in turchia! gliene fregherà tanto della sua incolumità..) ma per evitare che venisse lesa l'incolumità degli studenti cattolici in sala (e diversi studenti sapendo che ci sarebbero state botte quel giorno erano pronti a presenziare alla Sapienza), dato che le minacce di rissa da parte delle associazioni studentesche è stata esplicita.
il punto materialmente enorme di questo scandalo sta soprattutto qui.
spero di non sentir accadere mai più cose simili

see ya
rising dark sun






see ya
rising dark sun

http://plato87.splinder.com/

Da adesso in poi ci proverò
a farti avere il meglio che ho
il peggio lo troverai da te
ma vale la pena vivere
mi chiederai:"Sì ma perchè?"
so solo che ti dirò:"Vale la pena, vedrai!"
Da adesso in poi.
(Luciano Ligabue)










Ligabue point
Voglio un mondo comico
Voglio un mondo che faccia ridere
Un cielo comodo
Che qualcuno si affacci a rispondere
Voglio svegliarmi quando voglio
Da tutti i miei sogni
Voglio trovarti sempre qui
Ogni volta che io ne ho bisogno.
(in questo punto della canzone ho forse sentito "ti amo"? Io ce lo metto)
Voglio il tempo libero
Sì ma libero proprio ogni attimo
E alzare il minimo
Con la vita che mi fa il solletico
Voglio restare sempre sveglio
Con tutti i miei sogni
Voglio tornare vergine
Ogni volta che io ce ne ho voglia
Voglio volere tutto così
Voglio portarti in un posto che
Tu proprio non puoi conoscere
Voglio volere qualcosa per me
Qualcosa che sia per me
Voglio volere
Io voglio un mondo allaltezza dei sogni che ho
Voglio volere
Voglio decidere io se mi basta o se no
Voglio volere
Voglio godermela tutta fin quando si può
Si può(?) (che c sia un punto interrogativo qui? Io ce lo metto)
E voglio un mondo comico
Che se ne frega se sembra ridicolo

Un mondo facile
Che paga lui vuol fare lo splendido
Voglio non dire mai è tardi
Oppure peccato
Voglio che ogni attimo
Sia sempre meglio di quello passato
(Voglio volere)

Tu che conosci il cielo
Saluta Dio per me
Digli che sto bene
Considerando che
Che non conosco il cielo
Però conosco te
Mi va di ringraziare
Puoi farlo tu per me?
E intanto sono in viaggio
Digli pure che io sono in viaggio
Non lo so dove vado ma viaggio
E gli porterò i miei souvenir
Tutti quanti i miei souvenir (tutte queste parole già valgono un uomo)
Tu che conosci il cielo
E poi conosci me
Le sai le mie paure
Mi sa che sai il perché
Che non conosco il cielo
Farò come potrò
Starò con tanta gente
Per stare solo un po
Facendolo il mio viaggio
Cerco il mio pomeriggio di Maggio
Non lo so come vado ma viaggio
E gli porterò i miei souvenir
Tutti quanti i miei souvenir
(Tu che conosci il cielo)

Io non so se sono cotto, certi giorni non mi basta ciò che vedo e sento e tocco, però so che non so stare fermo, e so che cerco, so che tante volte trovo e perdo qui, tra corpi solidi.
Se il cielo è vuoto o il cielo è pieno, il giorno che ci guarderemo si saprà.
(Il cielo è vuoto o il cielo è pieno)
OFFLINE
Post: 42,725
Post: 26,157
Registered in: 2/28/2004
Registered in: 4/14/2004
Age: 32
Gender: Male
Admin Unico
2/3/2008 2:33 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Comunque Maiani è ugualmente diventato Presidente del CNR, non è stata pregiudicata la nomina.

Il fatto grave è anche nella disparità di trattamento, qualsiasi leader religioso sarebbe stato accolto, ma non il Papa.






ADMIN UNICO diAttuality and Society


Vice Amministratore di FORUMANDO


Moderatore sez.ForumGiornale di FORUMANDO



OFFLINE
Post: 42,725
Post: 26,157
Registered in: 2/28/2004
Registered in: 4/14/2004
Age: 32
Gender: Male
Admin Unico
2/10/2008 10:32 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

dimenticavo....

Universita' Udine invita il Papa
Galan lo vuole a Padova, dove insegno' Galileo
(ANSA) - UDINE, 16 GEN - L'Universita' di Udine invitera' ufficialmente papa Benedetto XVI a tenere una lezione: lo ha reso noto il rettore Furio Honsell. La proposta e' stata avanzata dagli studenti. 'Mi sembra una risposta positiva a una situazione che si era aggrovigliata'. Il governatore del Veneto Galan propone di invitare Benedetto XVI a Padova, l'ateneo di Galileo, sarebbe 'il tributo piu' grande per le celebrazioni galileiane'. Favorevole il sindaco Zanonato ma l'invito spetta al rettore.






ADMIN UNICO diAttuality and Society


Vice Amministratore di FORUMANDO


Moderatore sez.ForumGiornale di FORUMANDO



Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum
... GEMELLAGGI ...
FORUMANDO
+Tutti Siti+
Guglielmotell BLOG
UFOOUTLINE
giuggyna.it

 

Utenti online

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 7:06 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com