Attuality and Society
printprintFacebook



GEMELLAGGI

BENVENUTI

SVC



Micronazione Repubblica Cisalpina



Pensieri, parole, frasi celebri....
<<...nessuno può colpire duro come fa la vita, perciò andando avanti non è importante come colpisci, l'importante è come sai resistere ai colpi, come incassi e se finisci al tappeto hai la forza di rialzarti... così sei un vincente!>>
New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

I POLTERGEIST

Last Update: 2/4/2008 1:27 PM
OFFLINE
Post: 9,489
Post: 2,765
Registered in: 7/28/2006
Registered in: 11/11/2007
Location: BIENNO
Age: 37
Gender: Female
Admin
1/24/2008 11:03 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Il termine tedesco "poltergeist" significa "spirito rumoroso". I parapsicologi lo utilizzano tuttavia per indicare la possessione di un ambiente da parte di un'entità incorporea, capace di provocare fenomeni parafisici: spostamento di oggetti, suoni inquietanti, interruzioni della corrente elettrica, materializzazione di oggetti, ecc. Il fenomeno era ben conosciuto nell'antichità classica, nell'epoca patristica e in tutto il medioevo. La casistica documentata è notevolissima: il primo poltergeist conosciuto nei minimi particolari risale al 1661 e si verificò nella dimora del magistrato sir John Mompessom a Tedworth, in Inghilterra. In coincidenza con la presenza sul posto di un giovane forestiero, l'ambiente fu riempito da luci, suoni laceranti, odore di zolfo. E' stato rilevato in diverse occasioni che il fenomeno ha avuto inizio con la presenza nell'ambiente di un ragazzo o di una ragazza in età puberale o appena pre-puberale, quasi esistesse un legame arcano tra l'insorgere degli istinti e dell'energia sessuale e lo scatenarsi di forze primordiali
La psicocinesi (parola composta di origine greca, usata per la prima volta dal parapsicologo J. B. Rhine, che significa "movimento attraverso la psiche") è una particolare energia mentale in grado di agire fisicamente sugli oggetti. Una forma di psicocinesi inconscia è sempre stata esercitata, con risultati più o meno felici, dai giocatori sui dadi, dagli aruspici sulle tavole divinatorie, dalle incantatrici sulle ruote magiche. Nel Seicento, grazie alla moda dei tavoli giranti, il fenomeno ebbe un'ampia diffusione. Nella seconda metà dell'Ottocento, il medium D. D. Home provocò effetti psicocinetici di straordinaria portata, così come hanno fatto nel nostro tempo Uri Geller e Matthew Manning. Manifestazioni di psicocinesi (o psinergia) sono evocate tramite l'ouija, il gioco "spiritico" che per molte persone è anche la prima esperienza nel mondo dell'occulto. L'ouija si compone di una tavola che riporta le lettere dell'alfabeto latino disposte in semicerchio: ponendo un dito su un puntatore cuoriforme, che apparentemente si muove per mezzo di una forza invisibile, i giocatori ottengono, lettera dopo lettera, le risposte a loro quesiti relativi ad eventi del passato, del presente e del futuro.

Si sostiene che i poltergeist, più comunemente "fantasmi", siano presenti in tutte le abitazioni dove in passato ci sono state morti non naturali. Vari esempi di poltergeist si hanno anche nel nord Italia, in prossimità di antichi castelli, dove sofisticate apparecchiature hanno permesso a scienziati e parafisici di identificare entità "non organicamente in vita".

Non è affatto fantascienza, ma pura realtà: è possibile che i poltergeist siano continuamente tra noi e cerchino di comunicare, ma, purtroppo, con pochi successi.

Ma sorvoliamo le vaghe supposizione e addentriamoci in qualcosa di più concreto ed inquietante. Segue la celebre storia dello spettro di Rimini di una bambina un tempo residente in un castello.

Nella seconda metà del quattordicesimo secolo, nel castello situato a Montebello, in provincia di Rimini, nell'entroterra romagnolo, abitava la famiglia di Ugolinuccio, signore nel 1375. La serenità donata a questa famiglia fu definitivamente, rovinosamente distrutta dalla tragica scomparsa di Guendalina Malatesta, soprannominata Azzurrina. La sua scomparsa rimane un mistero ancora oggi. La piccola nacque albina e per questo fu accusata di stregoneria e destinata ad una morte atroce. Pur di nasconderla e darle una speranza, i genitori non la facevano uscire dal castello, e all'interno di questo la piccola era sempre piantonata da due guardie. Vano fu anche il disperato tentativo della madre di coprire i capelli della bimba con delle soluzioni naturali che, a causa della mancanza di pigmentazione dovuta alla malattia, lasciavano soltanto un velo azzurro nella candida chioma. Ma Azzurrina non rimarrà un semplice e sbiadito ricordo del passato: diventerà una tra le più famose presenze dei nostri giorni. Il 21 giugno dello stesso anno, la bimba scomparve misteriosamente nei sotterranei del castello
C'era un violento temporale e la palla con cui giocava la bambina rotolò giù nelle segrete, fino a raggiungere una stanza adibita a dispensa e ghiacciaia.
Le guardie non ebbero timore visto che il cunicolo non presentava uscite. Ma dalle segrete si sentì gridare. Le guardie corsero subito in soccorso della piccola, ma non trovarono nessuno: la bimba era sparita, e quello fu il suo ultimo giorno. Il 21 giugno dell'anno 1990, una troup televisiva della RAI girò un documentario all'interno del castello, e senza saperlo registrò una voce. Questa era flebile e leggera: era come un pianto confuso tra i rumori di un lontano temporale. Non vi furono dubbi: era la voce della bambina scomparsa, la stessa di cui si narra anche in una cronaca del '600, custodita all'interno della biblioteca del castello. L'università di Bologna iniziò subito degli studi approfonditi e riuscì nell'anno 1995 a catturare ancora il leggero lamento che si diffondeva tra le mura del castello. Questa volta la voce era più limpida e si sentì chiaramente chiamare "mamma". Registrarono anche il rumore della palla che rimbalzava e il rintocco delle campane. Nello stesso giorno dell'anno 2000, la medesima università registrò ancora i lamenti della piccola. Si affermò dunque senza titubanza che quei lamenti appartenessero ad Azzurrina, la bimba scomparsa ben settecento anni prima che nella ricorrenza quinquennale della sua scomparsa si aggira nel castello giocando con la palla alla ricerca della sua famiglia. Facendo un salto indietro, si scopre che nel 1989, l'anno antecedente alla prima intercettazione, il castello fu ristrutturato dagli eredi Giunti per creare una sorta di museo con visite guidate. Si trovarono delle gallerie sotterranee, che furono murate per proteggere dai saccheggi i tesori e gli averi della famiglia. Tutte le stanze furono riaperte, tranne una. Durante la ristrutturazione, si accorsero che una stanza non era più accessibile. Danneggiare le mura che circondano l'atrio significherebbe mettere in pericolo tutto il castello. Nessuno sa cosa contenga all'interno, ma si pensa che Azzurrina possa essere scomparsa proprio in tale luogo. Ma i misteri a Montebello non finiscono con Azzurrina: la piccola infatti si rivela solo ogni cinque anni, mentre altre presenze meno timide animano giornalmente le mura del castello. Si dice che durante le visite guidate, molte persone stiano male, in preda ad improvvisi stati di ansia e svenimenti: molti dei turisti sentono passi e voci accompagnare la guida. Altro elemento interessante è una panca color rosso sangue, dove vi è raffigurata una donna incinta all'interno di una tenda. La panca ha più di mille anni, eppure si mantiene in perfetto stato e il suo sfondo rosso sembra essere stato tinto con il sangue. L'oggetto fu un dono portato da una delle crociate. Esso originariamente serviva al controllo demografico: quando il popolo da cui fu presa arrivava ad un numero prestabilito di abitanti, le donne partorienti venivano legate sulla panca con gambe e braccia legate, in maniera tale da impedire loro di partorire e quindi condannarle, insieme al feto, a morte certa, non prive di terribili agonie. Nella medesima stanza dove si trova l'oggetto, il custode, che quella sera era impegnato nelle pulizie, sentì dei rumori, e quando si voltò una donna scalza camminava sul soffitto, fissandolo. La donna era a testa in giù e la sua lunga chioma sfiorava il pavimento. A rendere più credibile il racconto dell'uomo, vennero in aiuto le impronte della donna rimaste indelebili sul soffitto. Solo ora, a distanza di anni, iniziano a sbiadirsi scomparendo lentamente. Che queste presenze siano reali o una trovata dei Giunti per incrementare le visite rimane tuttora un mistero: l'unica certezza è che per l'anno 2005, durante il periodo del solstizio, a nessuno è stato concesso di avvicinarsi al castello: l'università di Bologna ha bloccato le visite per meglio studiare il fenomeno.
Nel frattempo, medium e contattasti di tutta Italia giurano di essersi messi in contatto con la bambina, chi tramite la scrittura automatica chi tramite visioni, ma nessuno di essi è ancora riuscito a ridarle pace.

Verità o finzioni? Nel momento della percezione di ipotetiche anime senza pace, mediante opportune conoscenze scientifiche, è possibile rilevare gravi anomalie come sbalzi elettromagnetici e fastidiose sensazioni di svenimento, causate anch'esse da campi elettromagnetici superiori alla norma. E' stata infatti provata l'elevata difficoltà di analisi di fenomeni paranormali in presenza di dispositivi elettronici, quali cellulari, fotocamere digitali o lettori CD. Una teoria ancora in fase di formazione, espressa direttamente da Alias, approverebbe la moderna teoria delle stringhe di Edward Witten, confermando la possibilità di contatto con altri piani dimensionali. Molto sommariamente equivarrebbe a dire che se misurassimo la distanza fra due punti e poi ruotassimo il nostro osservatore di un certo angolo e misurassimo nuovamente, la distanza osservata rimarrebbe la medesima solo se l'universo possedesse un determinato numero di dimensioni. Il solo problema sarebbe che qualora si dovesse eseguire tale calcolo, il numero di dimensioni dell'universo non sarebbe quattro, come ci si potrebbe attendere (tre assi spaziali e uno temporale), bensì ventisei. Più precisamente, le teorie bosoniche implicherebbero ventisei dimensioni, mentre le superstringhe risulterebbero richiedere dieci o undici dimensioni. Per evitare ulteriori disorientamenti, affermiamo solamente la possibilità di entrare in contatto con altre dimensioni, in questo caso quella dei "non vivi", grazie ad una serie di spiegabili motivazioni scientifiche. Perlopiù si parla di "paranormale", ma solo secondo la nostra prospettiva: vi è la possibilità di esistenza di due dimensioni assolutamente distinte ma in contatto tra loro. Chiaramente sono soltanto semplici supposizioni, in quanto personalmente non mi ritengo uno scienziato bensì un inesperto appassionato del campo: numerose sono le altre ipotesi considerate da Alias, ma non si intende prolungare ulteriormente la discussione al fine di non deragliare dall'argomento principale, fonte di innumerevoli domande che, probabilmente, non avranno mai risposta, ma certamente saranno necessarie per approfondire le nostre riflessioni e farci comprendere che non siamo assolutamente soli come la maggior parte degli individui sostiene.

allias-web
I Testimoni di Geova sono Monoteisti?Testimoni di Geova Online...37 pt.10/19/2019 3:17 AM by Anthony.Sidra
Personaggi random per situazioni random – nuova edizioneEFP13 pt.10/18/2019 9:16 PM by Setsy
Marzia RoncacciTELEGIORNALISTE FANS FORU...11 pt.10/18/2019 10:51 PM by Jolly.80
Tabella compilata con record di n tabelleExcel Forum7 pt.10/19/2019 12:47 AM by _Posillipo_
TW vs WOWAnkie & Friends - L&#...5 pt.10/18/2019 6:40 PM by TacitusKilgore
OFFLINE
Post: 9,489
Post: 2,765
Registered in: 7/28/2006
Registered in: 11/11/2007
Location: BIENNO
Age: 37
Gender: Female
Admin
1/24/2008 11:08 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Curiosita'
In genere il poltergeist possiederebbe tre caratteristiche costanti:
Gli oggetti che si muovono colpiscono raramente le persone presenti o danneggiano gravemente la casa.
Il fenomeno durerebbe alcune settimane o alcuni mesi al massimo.
Si verificherebbe quasi sempre in presenza di una particolare persona, detta persona focale, che, nella maggior parte dei casi, è in età adolescenziale
Il fenomeno dei poltergeist viene spesso confuso con casi di infestazione, che però non sono di breve durata, apparentemente legati ad un luogo e non ad una persona e tipicamente di tipo visivo ed uditivo.

Fino al XIX secolo le attività del poltergeist erano normalmente considerate opera del demonio, delle streghe o dei fantasmi dei defunti.

Una delle interpretazioni moderne più significative collega questo fenomeno con l'RSPK, dall'inglese Recurrent Spontaneous Psychokinesis, ossia psicocinesi spontanea ricorrente. Come già detto, l'attività del poltergeist tenderebbe a manifestarsi infatti nei pressi di una singola persona, spesso adolescente. In particolare si sarebbe notata una corrispondenza con le mestruazioni dell'eventuale soggetto. Sarebbe quindi determinato da conflitti inconsci, in particolare legati ai primi impulsi sessuali o ad aggressività repressa, di un soggetto agente del tutto inconsapevole.



ALTRE CURIOSITY:

La parola Poltergeist deriva dal tedesco Polter(rumore) e Geist(fantasma) e quindi, tradotta, significa "fantasma chiassoso".
Un poltergeist altro non è che un malevolente, dannoso spirito o forma di energia che si manifesta con inspiegabili avvenimenti come il lancio di oggetti sporchi, oppure di piatti, posate, soprammobili, spostamento e/o sollevamento di quadri dai muri, terribili odori (urina di gatto, decomposizione ecc..), forti rumori/urla, luci inspiegabili ed infine, anche apparizioni.

Le più antiche apparizioni di poltergeist di cui si è venuti a conoscenza, risalgono all'epoca degli antichi Romani; altre sono riportate all'età medievale, soprattutto in Cina e Germania.

Le cause di questa attività non sono ancora ben chiare, nonostante scienziati e ricercatori la stiano studiando da molti anni. I poltergeist si manifestano improvvisamente ed altrettanto improvvisamente cessano la loro comparsa (che può durare giorni, o anni).
Da centinaia di studi effettuati su tale fenomeno, è risultato che i poltergeist sono in maggior parte causati da un individuo o "agente", come viene chiamato, che opera un fenomeno di psicocinesi subconscia. Questi studi affermano anche che gli "agenti" sono per la maggior parte persone di sesso femminile, al di sotto dei 20 anni di età, che sono totalmente inconsapevoli di essere loro stesse la causa di tale attività paranormale. Ciò accade principalmente perchè tali individui sono sottoposti a pesanti forme di stress, quali ansia, nervosismo, rabbia, insomma, problemi emotivi tipici proprio della loro età. Altri casi riportati sono anche quelli in cui l'agente soffre di disturbi mentali, come schizofrenia, isteria, fobie, ossessione.
E' spesso possibile risolvere il problema e quindi portare a termine l'attività di un poltergeist, grazie all'aiuto di psicologi che aiuteranno l'individuo a liberarsi dalle tensioni emotive.
Vi sono altri casi però, in cui la maggior parte degli individui, pur essendo psicologicamente stabile, non sembra aver alcun controllo sulle manifestazioni di poltergeist. Questi casi rimangono un mistero. Alcuni ricercatori tuttavia preferiscono includere tali fenomeni nel campo delle forze soprannaturali o delle influenze demoniache.

Le differenze tra un'attività di poltergeist (soprattutto nelle sue prime fasi) e una normale infestazione possono essere molto difficili da distinguersi, poichè entrambe condividono gli stessi aspetti (strani rumori, apparizioni, odori, spostamenti/sparizioni di oggetti).
Vi sono tuttavia alcuni fenomeni che le differenziano:
INFESTAZIONE

- Include l'apparizione frequente degli spettri di persone defunte, in determinati posti e periodi.

- L'apparizione di uno spirito avviene solitamente in un posto conosciuto dal defunto.

- Le apparizioni avvengono ripetutamente nel tempo, concentrate nella stessa area.

- Non sono di natura violenta
POLTERGEIST

- Possono non essere fantasmi. Ci sono teorie che identificano un poltergeist come una forma di energia psicocinetica scaturita dalla mente di individui viventi. Nei casi più gravi però, tale attività è riconducibile a demoni.

- A causa di un trauma subito da un essere vivente, l'attività di un poltergeist può collocata in qualsiasi posto, in qualsiasi momento.

- Le attività iniziano, e in un certo momento finiscono, per poi ricominciare nuovamente, magari in un posto diverso.

- Possono essere di natura violenta e quindi pericolosi per gli umani

darkgothiclolia
2/4/2008 1:27 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Non è molto noto ma i fenomeni poltergeist per maggioranza sono causati da esseri umani a livello inconscio, queste persone in qualche modo riescono ad agire inconsciamente sulla materia riuscendo a muovere gli oggetti, quando si tratta di un fenomeno poltergeist causato da un essere umano l'oggetto in questione non misura elevate temperature e questo è verificabile con un'ipnosi che permette al soggetto di manifestare durante il sonno la sa abilità, al contrario se non è un essere umano a causare il fenomeno l'oggetto che si sposta misura elevate temperature.
Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum
... GEMELLAGGI ...
FORUMANDO
+Tutti Siti+
Guglielmotell BLOG
UFOOUTLINE
giuggyna.it

 

Utenti online

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 4:47 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com