Attuality and Society
printprintFacebook



GEMELLAGGI

BENVENUTI

SVC



Micronazione Repubblica Cisalpina



Pensieri, parole, frasi celebri....
<<...nessuno può colpire duro come fa la vita, perciò andando avanti non è importante come colpisci, l'importante è come sai resistere ai colpi, come incassi e se finisci al tappeto hai la forza di rialzarti... così sei un vincente!>>
New Thread
Reply
 
Previous page | 1 | Next page
Print | Email Notification    
Author
Facebook  

Il Fascismo non fu un Totalitarismo

Last Update: 1/14/2009 6:05 PM
OFFLINE
Post: 42,725
Post: 26,157
Registered in: 2/28/2004
Registered in: 4/14/2004
Age: 32
Gender: Male
Admin Unico
1/12/2009 11:51 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Ho sentito dire "stato totalitario" abbinato a Fascismo e a Mussolini, vorrei rammentare che il Fascismo non riuscì mai a diventare un totalitarismo e lo stato Italiano sotto il suo dominio va trattato come un remige autoritario, non certamente totalitario.
Come movimento politico il fascismo rappresentò la reazione delle classi dirigenti a una sfida abortita delle classi popolari. Costruì il suo successo attraverso una consapevole mobilitazione secondaria dei ceti medi, soprattutto della piccola borghesia, mobilitazione favorita, dal loro panico di status a fronte della sfida dei settori popolari organizzati dai socialisti e dai comunisti. Fintantoché si espresse con i caratteri del movimento, il fascismo mantenne tutte le sue potenzialità di evoluzione in senso totalitario. Quando si rese conto di non avere la forza necessaria per assoggettare tutte le altre istituzioni, si piegò a trasformarsi in regime e diventò accentuatamente e specificamente autoritario. A quel punto, il fascismo italiano scelse di adeguarsi al pluralismo limitato, non competitivo, non responsabile delle istituzioni già esistenti - la monarchia, le forze armate, la Chiesa, le organizzazioni padronali - da cui era circondato, che non aveva saputo sconfiggere e di cui non sarebbe riuscito a liberarsi. Mussolini capì che doveva lasciar sopravvivere la monarchia e la sua corte; che non sarebbe riuscito ad operate nessuna Gleichschaltung* della burocrazia e delle forze armate, ovvero la loro assimilazione-subordinazione sotto forma di "fascistizzazione"; che non aveva né le capacità né l'interesse di creare un sistema economico che prescindesse dalle grandi imprese industriali; che non avrebbe potuto fare a meno di riconoscere un ambito discrezionale relativamente ampio alla Chiesa cattolica; che aveva la necessità di mantenere il partito unico come strumento di orientamento e di governo, ma che non avrebbe mai potuto utilizzarlo per acquisire un ruolo dominante sulle altre istituzioni e organizzazioni sopravvissute alla marcia di Roma e alla spinta totalitaria di corto respiro che seguì l'assassinio nel 1924 del deputato socialista Giacomo Matteotti. In sostanza il fascismo italiano rinunciò a plasmare la società.

Fonte: Nuovo corso di scienza politica [Gianfranco Pasquino]

Adattato da me per una più semplice comprensione del testo.
[Edited by silvercloud87 1/14/2009 12:39 PM]
Bianca BerlinguerTELEGIORNALISTE FANS FORU...11 pt.10/24/2019 12:18 AM by D.Raimondi
Secondo stint su WoW e taciti accordiAnkie & Friends - L&#...8 pt.10/23/2019 9:58 PM by anklelock89
Ciao a tuttiRexPlants - Piante Carniv...4 pt.10/23/2019 11:02 PM by Federico Zanatta
1/13/2009 9:59 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

plasmare no, ma ad assoggettarla e a chiuderla in una bolla sì.
OFFLINE
Post: 42,725
Post: 26,157
Registered in: 2/28/2004
Registered in: 4/14/2004
Age: 32
Gender: Male
Admin Unico
1/13/2009 10:14 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Infatti il Fascismo si limitò a dominare la società, invece il comunismo made in urss e il nazismo tedesco plasmarono fortemente la società e riuscirono a sbarazzarsi di qualsiasi ostacolo.






ADMIN UNICO diAttuality and Society


Vice Amministratore di FORUMANDO


Moderatore sez.ForumGiornale di FORUMANDO



1/13/2009 10:37 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

silvercloud87, 13/01/2009 10.14:

Infatti il Fascismo si limitò a dominare la società, invece il comunismo made in urss e il nazismo tedesco plasmarono fortemente la società e riuscirono a sbarazzarsi di qualsiasi ostacolo.




siamo stati "fortunati"
OFFLINE
Post: 42,725
Post: 26,157
Registered in: 2/28/2004
Registered in: 4/14/2004
Age: 32
Gender: Male
Admin Unico
1/13/2009 10:52 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re:
@Mimmi the Maneater@, 13/01/2009 10.37:




siamo stati "fortunati"



guarda è una gara fra chi è peggio, fra stermini, assassini, bastonate, pestaggi, saccheggi, fucilazioni e quant'altro, ma se avessi dovuto scegliere dove vivere in quel periodo penso che avrei optato per l'Italia..






ADMIN UNICO diAttuality and Society


Vice Amministratore di FORUMANDO


Moderatore sez.ForumGiornale di FORUMANDO



1/13/2009 10:54 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re: Re:
silvercloud87, 13/01/2009 10.52:



guarda è una gara fra chi è peggio, fra stermini, assassini, bastonate, pestaggi, saccheggi, fucilazioni e quant'altro, ma se avessi dovuto scegliere dove vivere in quel periodo penso che avrei optato per l'Italia..




io direi la svizzera, ma se avessi dovuto scegliere fra spagna, italia, russia e germania. certo l'italia. ma credo sarei morta o latitante pur di non aderire al partito fascista
OFFLINE
Post: 42,725
Post: 26,157
Registered in: 2/28/2004
Registered in: 4/14/2004
Age: 32
Gender: Male
Admin Unico
1/13/2009 10:59 AM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re: Re: Re:
@Mimmi the Maneater@, 13/01/2009 10.54:




io direi la svizzera, ma se avessi dovuto scegliere fra spagna, italia, russia e germania. certo l'italia. ma credo sarei morta o latitante pur di non aderire al partito fascista


Bé certo, intendevo fra gli stati che hai citato, non svizzera, san marino, o altri paesi neutrali..
Non so dipenderebbe da troppe cose: avrei bisogno di sapere come, dove, quando sarei nato, con quale livello culturale mi sarei ritrovato. Ora come ora, con quello che so, sicuramente non aderirei ma se fossi cresciuto in quell'Italia e avessi il livello culturale di un bambino delle elementari, penso avrei aderito forse con molto entusiasmo.
[Edited by silvercloud87 1/13/2009 11:01 AM]






ADMIN UNICO diAttuality and Society


Vice Amministratore di FORUMANDO


Moderatore sez.ForumGiornale di FORUMANDO



1/14/2009 4:23 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote


aderire con entusiasmo al partito FASCISTA?!
per il livello culturale?
no, credo per paura o perchè hai idee affini ad esso
OFFLINE
Post: 42,725
Post: 26,157
Registered in: 2/28/2004
Registered in: 4/14/2004
Age: 32
Gender: Male
Admin Unico
1/14/2009 4:35 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re:
@Mimmi the Maneater@, 14/01/2009 16.23:


aderire con entusiasmo al partito FASCISTA?!
per il livello culturale?
no, credo per paura o perchè hai idee affini ad esso


Ragionando con il senno di prima, e non con quello di poi (troppo facile), credo che avrei aderito alla prima alternativa che mi fosse capitata.
Inizialmente il partito fascista era un partito come un altro, e prometeva quello che gli altri da sempre promettevano ma con un vantaggio, non aveva mai provato a governare un paese e forse era il caso di offrirgli quella possibilità.
Inoltre era un partito di derivazione socialista, quindi non di destra come possiamo invece ben interpretarlo oggi; non esisteva la televisione ad informarci degli assalti delle camice nere contro i socialisti o i comunisti; se avessi vissuto in una famiglia povera, come la stragrande maggioranza delle famiglie italiane, non avrei avuto nemmeno la possibilità di compare un giornale e anche se avessi potuto, con tutta probabilità non sarei stato capace a leggerlo.
Considerando quindi la condizione da cui ero circondato, al fatto che il fondo era veramente il piano su cui si viveva (poi era possibile stare peggio, ovviamente), penso proprio che avrei (almeno sul principio, non saprei dopo) aderito.
Così come avrei aderito al Partito Comunista in Urss, che poi si è rivelato più sanguinario di quello fascista in Italia (non intendo paragonare, ma parlo di numeri oggettivi di morti).
[Edited by silvercloud87 1/14/2009 4:37 PM]






ADMIN UNICO diAttuality and Society


Vice Amministratore di FORUMANDO


Moderatore sez.ForumGiornale di FORUMANDO



1/14/2009 5:12 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

silvercloud87, 14/01/2009 16.35:


Ragionando con il senno di prima, e non con quello di poi (troppo facile), credo che avrei aderito alla prima alternativa che mi fosse capitata.
Inizialmente il partito fascista era un partito come un altro, e prometeva quello che gli altri da sempre promettevano ma con un vantaggio, non aveva mai provato a governare un paese e forse era il caso di offrirgli quella possibilità.
Inoltre era un partito di derivazione socialista, quindi non di destra come possiamo invece ben interpretarlo oggi; non esisteva la televisione ad informarci degli assalti delle camice nere contro i socialisti o i comunisti; se avessi vissuto in una famiglia povera, come la stragrande maggioranza delle famiglie italiane, non avrei avuto nemmeno la possibilità di compare un giornale e anche se avessi potuto, con tutta probabilità non sarei stato capace a leggerlo.
Considerando quindi la condizione da cui ero circondato, al fatto che il fondo era veramente il piano su cui si viveva (poi era possibile stare peggio, ovviamente), penso proprio che avrei (almeno sul principio, non saprei dopo) aderito.
Così come avrei aderito al Partito Comunista in Urss, che poi si è rivelato più sanguinario di quello fascista in Italia (non intendo paragonare, ma parlo di numeri oggettivi di morti).




questa analisi mi piace!
però, ti ricordo esistevano le radio e i giornali che erano molto piu importanti di ora.
io penso dipenda più dalla persona. io non voglio dire che non avrei aderito a priori, ma che comprendo chi aveva una famiglia, per esempio.
OFFLINE
Post: 42,725
Post: 26,157
Registered in: 2/28/2004
Registered in: 4/14/2004
Age: 32
Gender: Male
Admin Unico
1/14/2009 5:56 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

Re:
@Mimmi the Maneater@, 14/01/2009 17.12:




questa analisi mi piace!
però, ti ricordo esistevano le radio e i giornali che erano molto piu importanti di ora.
io penso dipenda più dalla persona. io non voglio dire che non avrei aderito a priori, ma che comprendo chi aveva una famiglia, per esempio.


Infatti, ho insistito sulle condizioni povere ed umili della famiglia in cui sarei potuto capitare, per eliminare anche radio e giornali (il primo per il costo e il secondo perché probabilmente analfabeta).

Ad esempio, mio nonno - che era democristiano per eredità, e mai attività politico - non aderì mai al partito fascista, mentre suo zio a cui venne data la possibilità di partecipare ad uno degli svariati lavori di bonifica/costruzione/ristrutturazione che per qualche tempo mussolini fece, aderì con vigore: anche perché codesto lavoro gli dava un reddito sufficiente da far astenere dal lavoro la moglie e mandare avanti la famiglia (ripristinando anche un piccolo allevamento e campo (curato dalla moglie). Successivamente, quando parte degli amici (dello zio di mio nonno) vennero massacrati in una fucilazione nazifascista nei pressi montefeltro (provincia di pesaro urbino), si ritirà dal partito (non serve che io dica che da quel punto fece molta fatica a trovare un lavoro, ma la dittatura durò da li a poco).






ADMIN UNICO diAttuality and Society


Vice Amministratore di FORUMANDO


Moderatore sez.ForumGiornale di FORUMANDO



1/14/2009 6:05 PM
 
Modify
 
Delete
 
Quote

invece, mio nonno era comunista, non ha mai aderito, aveva la sua terra e così campava.
avrò preso da lui [SM=g27828]


Admin Thread: | Close | Move | Delete | Modify | Email Notification Previous page | 1 | Next page
New Thread
Reply
Cerca nel forum
... GEMELLAGGI ...
FORUMANDO
+Tutti Siti+
Guglielmotell BLOG
UFOOUTLINE
giuggyna.it

 

Utenti online

Home Forum | Bacheca | Album | Users | Search | Log In | Register | Admin
Create your free community and forum! Register to FreeForumZone
FreeForumZone [v.5.0.0] - Leggendo la pagina si accettano regolamento e privacy
Tutti gli orari sono GMT+01:00. Adesso sono le 6:15 AM. : Printable | Mobile
Copyright © 2000-2019 FFZ srl - www.freeforumzone.com